L’estate serena di Margherita

Rieccomi. Mi scuso di questa lunga assenza, ma ogni tanto ho paura di annoiare. L’estate di Margherita è stata serena. Davvero serena. Sono stata in vacanza per dieci giorni ed ero molto in ansia di doverla lasciare: era la prima volta che succedeva dallo scorso dicembre quando ho scoperto la sua malattia. L’ho affidata alle cure di un paio di care amiche che l’hanno seguita con attenzione e amore, non dimenticando le medicine quotidiane. E’ andato tutto bene. Lei è rimasta serena e si è fatta condurre da loro senza problemi nè patemi. E quando sono tornata…beh…rispetto a mille altre volte, mi ha accolto con il solito nitrito (quando è arrabbiata mi mostra il sedere e ci mette una buona mezz’ora a girarsi verso di me) e occhioni riconoscenti.

Continuo la cura con il Lycopodium e i Fiori di Bach. Anche se il veterinario mi ha annunciato che probabilmente presto cambieremo la diluizione del primo.

Margherita, lo ripeto perché a molti appare quasi impossibile, sta benissimo. E’ ingrassata e mangia ogni giorno senza lasciare nulla. Avrei quasi voglia di rifare gli esami, la biopsia intendo alle masse tumorali. Ma, forse, finirei per illudermi….

Lascia un Commento