Nulla accade mai per caso

Nulla accade per caso. Le chiamiamo coincidenze, ma sono solo tappe del cammino che stiamo facendo. Così, neppure il mio incontro con Tiziana, in una tiepida domenica di fine novembre risparmiata dalla pioggia, è giunto per caso.
Tiziana ha letto la storia di Margherita e, colpita dalle cure dolci, mi ha chiamata. E’ voluta venire a vedere di persona la cavalla. Ha voluto parlare con me. Ha preso appunti e mi ha raccontato di sé.

Tiziana è venuta da Margherita perché a febbraio 2010 concluderà i cinque anni di studio all’ Istituto di medicina globale di Padova, specializzazione in Naturapatia, e la sua tesi sarà legata alla naturopatia sugli animali. In particolare su Margherita.

Difficile riassumere un incontro che è durato un’intera mattinata, nella capannina di Margherita e Nina. Sono tanti i temi che sono venuti fuori dalle nostre riflessioni. Ne voglio scegliere uno, rinviando gli altri ad altri post. Più che una riflessione è una domanda: quanto gli animali “assorbono” il nostro stato d’animo? quanto reagiscono a una nostra malattia? quanto possono e vogliono farsene carico? quanto, noi, dovremmo essere capaci di proteggerli e smetterla di “usarli” come deposito delle nostre emozioni?

Tutte domande, di cui avevo discusso con il veterinario triestino Stefano Cattinelli che mi spiegava: “Avere un cane o un gatto, significa vivere un esperienza di vita unica che richiede un continuo rinnovamento e una crescita comune.  L’uomo e l’animale intrecciano costantemente i fili della loro esistenza senza però che l’uomo si accorga della dimensione interiore della quale l’anima animale è portatrice”.

Un giorno di due anni e mezzo fa, Cattinelli mi chiese: “Cosa è accaduto nella tua vita prima che la cavalla si sia ammalata? Qual è stato e qual è il tuo rapporto con lei? E tu, come stai?”. Domande a cui fu davvero difficile dare risposta. Domande che nessun veterinario fa. Gli dissi che Margherita mi aveva in qualche modo guarita da un grande lutto. Che, questo è certo, su di lei avevo riversato angoscia e dolore. E lei mi aveva aiutato. A volte solo con lo sguardo o con l’amore che provava e prova per me. Aggiunsi che, poco prima che lei si ammalasse, mi furono diagnosticati due problemi di salute: un grosso fibroma all’utero (che risolsi con un intervento chirurgico) e la tiroide di Hashimoto, che sto ancora curando. Lui mi fece notare che la parotide, dove Margherita è stata colpita dai tumori maligni, si trova vicina alla tiroide. Trovando in qualche modo un nesso fra le due malattie. Un nesso non solo temporale.

“L’anima di quella parte del regno animale che ha deciso di condividere un tratto di strada con l’Uomo, ha la capacità di forgiarsi secondo il “suo” punto di riferimento”, mi aveva spiegato, aggiungendo: “Per sintonia, per empatia, essendo un’anima ancora giovane, non ancora in grado di agire attraverso il pensiero (in definitiva sta qui la differenza tra noi e loro!) sul proprio vissuto animico, l’anima animale risuonerà dell’interiorità umana; rispecchierà l’interiorità umana, perché se prima, quando era ancora nel mondo selvatico doveva attenersi ai dettami della Natura, ora invece può liberamente dedicarsi a qualcosa di più variegato e poliedrico quale è l’interiorità dell’Uomo”.

E infine mi diede la risposta a quelle domande che gravavano sulla mia anima: “L’anima animale gioisce del rapporto con il suo Umano solo se da questo rapporto ne esce arricchita; solo se non gli viene richiesto di svolgere sempre e comunque il ruolo di sostegno emozionale, di colui al quale si possono affidare, senza troppo pensare, le nostre angosce e le nostre tristezze metropolitane.  Lei lo fa di buon grado, questo è vero; per amore dell’Evoluzione sta al nostro fianco e con il suo modo di fare discreto ed esente da alcun giudizio, ci sostiene fino alla sua morte.  Ma che rapporto diverso sarebbe se potesse imparare che le proprie dinamiche interiori si possono, in certa misura, modificare e guarire.  E già……anche per lei sarebbe diverso.  Anche per lei sarebbe una vera e propria guarigione”.

Lascia un Commento